La ricerca

 

La ricerca scientifica è al centro delle attività del Palazzetto Bru Zane, con un duplice obiettivo:
– valorizzare opere poco note di compositori famosi, come Bizet, Gounod, Massenet, Lalo, Saint-Saëns, ecc.
– far riscoprire autori raramente presenti nei programmi dei concerti, come Onslow, Alkan, Godard, Dubois, David e molti altri.

Il lavoro musicologico viene svolto in collaborazione con conservatori, università e centri di ricerca internazionali. Tali approfondimenti scientifici, affiancati daa convegni e da giornate di studio, riguardano anche altri ambiti legati alla musicologia: la storia dell’arte, l’organologia, la letteratura, le arti sceniche.

Gran parte della documentazione raccolta viene messa a disposizione nel sito Bru Zane Mediabase, che fornisce numerose informazioni sul patrimonio musicale francese del XIX secolo. Vi si trovano schede di presentazione su personaggi, opere o temi, articoli scientifici che è possibile scaricare e documenti iconografici o letterari, provenienti in particolare da fondi archivistici digitalizzati e catalogati.

Diversi importanti cantieri di ricerca si concretizzano poi in un lavoro editoriale a sua volta seguito da concerti e incisioni, che hanno per oggetto, in particolare, le musiche composte per il Prix de Rome e il repertorio leggero dell’opéra-comique e dell’operetta, ma anche i generi più tradizionali del concerto, della sinfonia, della musica religiosa e dell’opera lirica.




Lettera di Henri Rabaud a Daniel Halévy Prima edizione del Quintetto n. 1 di Théodore Gouvy