Cycle Musicians in the Great War

Cras

Diversi fattori hanno contribuito a fare del primo Novecento una sorta di età dell’oro dell’arpa in Francia. La fattura dello strumento si stabilizza definitivamente; virtuosi di fama internazionale (come Henriette Renié) vi si applicano con tutte le loro capacità; infine, i compositori che cercano sonorità nuove e insieme arcaicizzanti vedono in essa un’ancora di salvezza. L’arpa trova allora il suo posto nei concerti sinfonici, ma si fa anche applaudire nei salotti completando le formazioni di musica da camera. Lo attestano la Suite per flauto e arpa (1925) e il Quintetto per flauto, arpa e trio d’archi (1927) di Jean Cras, che saranno eseguiti insieme al suo Trio.

Concerto di musica classica con Arpa

Concert program

Jean CRAS
Suite en duo for flute and harp
String Trio
Pieces for solo harp
Harp Quintet

Interpreters

Valeria Kafelnikov harp
Philippe Bernold flute
TRIO OPUS 71